Il bordo della caldera - Campi Flegrei

Campi Flegrei
Vai ai contenuti

Menu principale:

Il bordo della caldera

Geologia
posillipo

I Campi Flegrei attualmente vengono identificati in base al territorio occupato dalla cosiddetta "caldera flegrea" un'area piuttosto vasta identificata da bordi strutturali in parte evidentissimi. L'intera caldera è il risultato di uno sprofondamento avvenuto a seguito di una grande eruzione che ha svuotato la camera magmatica sita a bassa profondità.

In quest'area sono avvenute due imponenti eruzioni :

Entrambe hanno provocato uno svuotamento massivo della camera magmatica con lo svuluppo di una caldera complessa.

Ciò che le differenzia in particolare è il bordo sud-orientale che nel caso della caldera relativa all'ignimbrite campana è sito nei pressi dei "ponti rossi" l'eruzione del tufo giallo napoletano avrebbe provocato una  fase di sprofondamento della caldera con un bordo interno determinato dalla collina di Posillipo la cui ossatura è un tufo giallo napoletano.


Posillipo
Per il resto il bordo calderico coincide per entrambe le eruzioni: la collina dei camaldoli, la zona di Cuma e Licola e quella di Capo Miseno.In questa pagina delle foto di Posillipo identificato come un pezzo del bordo della caldera a seguito dell'eruzione del Tufo Giallo Napoletano di cui la collina è strutturata.
Torna ai contenuti | Torna al menu