Cuma e l'acropoli cumana - Campi Flegrei

Campi Flegrei
Vai ai contenuti

Menu principale:

Cuma e l'acropoli cumana

Località flegree > Cuma

Cuma rappresenta il più antico insediamento greco presente nella zona continentale dei Campi Flegrei. Gli eubei, nel VII sec a.C. avevano individuato questo territorio dalla vicina Pyteacussai (nei pressi di Lacco Ameno, Ischia),  la raggiunsero fondando Kyme.L'acropoli è strutturata da rocce proveniente da antiche eruzioni vulcaniche, anche più antiche dell'Ignimbrite Campana.


All'interno dell'acropoli è visitabile tra l'altro la grotta della Sibilla, si dovrebbe dire "una delle grotte" quella che oggi è più accreditata come luogo in cui la Sibilla Cumana ha perpetuato le sue predizioni


Questa grotta cumana ha rappresentato di sicuro un anfratto ad uso militare Oltre alla grotta della Sibilla sono riconoscibili due templi, uno dedicato ad Apollo, l'altro a Giove secondo le tradizione greche e poi romane. La kyme greca divenne Cumae latina. Nell'acropoli ci sono testimonianze dell'avvento della religione cristiana con  strutture paleocristiana in parte sovrapposta a edifici pre-esistenti.

Sono numerose e spesso misteriose le cavità dell'acropoli Cumana, quei luoghi che hanno permesso di potersi difendere alcune cavità sono tuttora visibili anche dal basso dell'acropoli stessa ancorchè rimaneggiate.


Torna ai contenuti | Torna al menu