Fuorigrotta nella storia - Campi Flegrei

Campi Flegrei
Vai ai contenuti

Menu principale:

Fuorigrotta nella storia

Località flegree > Quartieri Flegrei > Fuorigrotta

Fuorigrotta, non è difficile capire qual è l'origine del nome di questo popoloso quartiere... "Fuori la grotta", uno dei punti di ingresso all'interno della zona flegrea. Di fatto la grotta in questione non rappresenta nessuna delle due strutture oggi in uso ma la cosiddetta Crypta neapolitana, la prima che ha traforato la collina di Posillipo già in epoca romana. La struttura fu concepita per uso militare ed è ancor oggi il luogo di numerosi misteri, leggende. In origine il piano di calpestio era più in alto rispetto a quanto è attualmente e ciò è il risultato di una serie di lavori ed adeguamenti perchè essa potesse assolverea funzioni di pubblica utilità. Infatti in altro modo l'ingresso ai Campi Flegrei avveniva attraverso le colline tufacee ed era piuttosto lungo e non agevole.



Ecco a lato ciò che rimane dello "Sferisterio" luogo ove qualche decennio fa si poteva giocare alla Pelota. Tale edificio ha poi subito un crollo parziale con il terremoto del 23 novembre 1980 restando da allora nelle condizioni in cui lo si può vedere attualmente e nella foto.





Leopardi è  nelle memorie di Fuorigrotta tanto che una delle due stazioni del servizio metropolitano è proprio "Piazza Leopardi" non lontano dalla vecchia ubicazione della Chiesa di San Vitale ed in una posizione che non conserva proprio nulla di una piazza.

Torna ai contenuti | Torna al menu